HOME PAGE

INTERVISTE

23 June 2014

AESVI intervista Francesco Posteraro, Commissario AGCOM Commissione per i servizi e i prodotti


 
 
1) Commissario, nei prossimi giorni AESVI lancerà il secondo capitolo della campagna mediatica All4Games. Lo scorso anno focalizzata sulla valorizzazione dell’impegno e della passione alla base della creazione di un videogioco, quest’anno è incentrata sul concetto di #Pionieri, nel senso in cui gli sviluppatori di videogiochi sono “inventori” di nuove realtà. Il filo rosso che garantisce continuità alla campagna è appunto la valorizzazione della creatività. Può illustrarci la sua opinione su questo?

Condivido pienamente la scelta della creatività come tema del secondo capitolo della campagna mediatica All4Games. In effetti, gli sviluppatori di videogiochi creano, inventano, non diversamente da quanto fanno altri autori di opere dell’ingegno, come gli scrittori o i cineasti. La campagna mediatica può quindi servire a far comprendere meglio questo dato di fatto e a valorizzare compiutamente un’attività che merita di essere conosciuta e apprezzata.

2) Lei è stato relatore ed uno dei più grandi promotori del Regolamento adottato dall’Autorità in tema di tutela del diritto d’autore, grazie al quale, l’Autorità punta a fare dell’Italia un safe harbour per la promozione della creatività e l’innovazione. A due mesi dall’entrata in vigore del Regolamento -  uno dei più avanzati nel panorama europeo - può esporci il suo giudizio riguardo la sua efficacia?

Due mesi sono pochi per trarre conclusioni definitive, ma ritengo che un primo bilancio possa essere senz’altro positivo. Sono stati adottati ordini di blocco solo nei confronti di siti manifestamente dediti alla pirateria digitale. Si sono verificati casi di adeguamento spontaneo da parte dei gestori dei siti, i quali hanno proceduto alla rimozione dei contenuti protetti da diritto d’autore dopo aver ricevuto dall’Agcom la comunicazione dell’avvio del procedimento, che è stato conseguentemente archiviato. In generale, l’Autorità sta seguendo – come del resto era stato preannunciato – una linea di intervento improntata a criteri di equilibrio e di rispetto per i diritti di tutti i soggetti interessati.

3) Dopo 25 anni l’ufficio del commercio statunitense ha finalmente decretato l’uscita dell’Italia dalla watch list, il documento annuale che analizza la situazione internazionale relativamente alla tutela della proprietà intellettuale nei Paesi che sono partner commerciali degli Usa. Fino a ieri, infatti, le tutele garantite dal nostro Paese venivano considerati insufficienti. Questo avrà certamente delle ricadute positive con riferimento all’attrazione di investimenti nei settori creativi. Quale ruolo ha giocato in questa decisione il Regolamento emanato da AGCOM?

L’uscita dell’Italia dalla watch list Usa dei Paesi che non tutelano adeguatamente il copyright è un evento di straordinaria importanza, che avrà verosimilmente effetti benefici per il nostro sistema produttivo. Questo notevole risultato è dovuto proprio al regolamento dell’Agcom per la tutela del diritto d’autore: lo afferma espressamente il comunicato dell’Amministrazione statunitense che ha dato notizia della nostra rimozione dalla watch list.

4) Lo scorso 11 Marzo l’abbiamo vista sul palco del Premio Drago d’Oro per consegnare il premio più ambito di miglior videogioco dell’anno, affiancato dal Trio Medusa. Può raccontarci la sua esperienza e che idea si è fatta del settore videoludico?

La partecipazione alla cerimonia di consegna del Drago d’Oro è stata per me un’esperienza piacevole e interessante. Mi ha consentito di avere un contatto immediato con le produzioni di eccellenza di un settore quanto mai vitale e dinamico, frutto non a caso del lavoro di autori giovani ed entusiasti. Un mondo che trasmette messaggi positivi e incoraggianti, come purtroppo è tutt’altro che frequente nel difficile momento che stiamo attraversando. Quanto al Trio Medusa, la simpatia, la vivacità e la prontezza dei conduttori mi sono sembrate le chiavi interpretative più adatte all’evento e mi hanno divertito molto.